CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA

“CASA DELLA SOLIDARIETà PASQUALE ROTATORE”

 

 

Regolamento per l’istituzione ed il funzionamento del Centro di Pronta Accoglienza per adulti

 

TITOLO I

NORME GENERALI

 

Definizione

Il Centro di pronta accoglienza”Casa della Solidarietà Pasquale Rotatore”, offre un intervento di tipo residenziale e non residenziale temporaneo a favore di soggetti in stato di disagio, riconducibili ad una situazione problematica di carattere economico- abitativa, socio-relazionale, affettiva, per i quali non sono già previste strutture di sostegno specifiche. Esso sarà, altresì, aperto all’ospitalità di tali soggetti ove si dovesse verificare una necessità dovuta alla mancanza di disponibilità nelle strutture suddette.

Il Centro può ospitare sei soggetti in regime residenziale ed offrire quotidianamente un pasto ad ulteriori venti soggetti.

 

Ubicazione

Il Centro di accoglienza”Casa della Solidarietà Pasquale Rotatore”, è ubicato in Via Romana n.11 (pressi stazione ferroviaria di Catona di Reggio Calabria), 89135 Catona di Reggio Calabria, recapito telefonico 0965/303017.

 

Soggetto Gestore

Il Centro è gestito dall’Associazione socio-culturale di volontariato “Nuova Solidarietà”, con sede legale in via Sabauda n. 67 - 89135 Salice di Reggio Calabria, tel/fax 0965/302121, e-mail info@nuovasolidarieta.it, sito web www.nuovasolidarieta.it

 

Finalità

Il Centro offre ai destinatari un servizio volto a:

 

 

Servizi

Il Centro di Pronta Accoglienza “Casa della Solidarietà Pasquale Rotatore”, offrirà i seguenti servizi:

-       un pasto serale;

-       uso dei servizi igienici;

-       alloggio temporaneo;

-       alimentari per il confezionamento di prima colazione e pranzo (solo per coloro accolti in regime residenziale)

-       utilizzo di spazi e attrezzature per lavanderia e stireria degli indumenti personali (solo per coloro accolti in regime residenziale)

Inoltre attraverso il Centro di Ascolto già attivato dall’associazione si garantirà:

-       la distribuzione di vestiario, biancheria ed accessori;

-       uno spazio di ascolto e di consulenza;

-       l’eventuale inserimento in momenti ricreativi e culturali.

 

 

 Destinatari

Al Centro di pronta accoglienza possono accedere, senza distinzione di sesso, razza, religione o nazionalità:

·        Adulti autosufficienti;

·        Adulti solo parzialmente non autosufficienti;

·        Famiglie;

·        Minori solo se accompagnati da un adulto esercente la potestà genitoriale.

 

 

Modalità di fruizione e accesso al servizio

 

I servizi offerti dal Centro di pronta accoglienza possono essere richiesti direttamente dagli interessati senza l’intermediazione di alcuno e sono gratuiti.

 

Il Centro di Pronta Accoglienza, inoltre, anche attraverso l’azione del Centro di Ascolto, si attiva per la presa in carico di situazioni che dovessero essere segnalate dal servizio sociale territoriale, da enti, associazioni, singoli cittadini.

 

Gli ospiti, al momento dell’ingresso in struttura vengono accolti dagli operatori, che provvedono ad informare il Responsabile.

L’accoglienza potrà avvenire tra le 9.00 e le 19.00 di tutti i giorni.

L’operatore presenterà all’ospite la struttura, gli illustrerà tutte le condizioni inerenti i servizi resi, nonché farà presente le norme della casa e quanto disposto dal presente regolamento.

 

Queste, tra le altre, prevedono:

- l’obbligo di fornire le proprie generalità da registrare su apposito registro;

- sottoscrivere espresso consenso al trattamento dei dati e consenso alla comunicazione dei dati alla Questura di Reggio Calabria;

- sottoscrizione della domanda di accesso alla struttura e di conoscenza ed accettazione del presente regolamento le cui norme verranno esplicitate verbalmente e copia del regolamento della struttura sarà affisso in locale accessibile a tutti;

- l’obbligo di fornire notizie mediche (tipo allergie, malattie infettive, intolleranze alimentari, ecc.) ivi comprese informazioni circa l’uso di alcool o sostanze stupefacenti.

 

Tutti i dati sono custoditi a tutela della privacy del soggetto, la loro consultazione è consentita solo all’équipe multidisciplinare ed al responsabile della struttura.

 

Gli ospiti potranno allontanarsi liberamente dalla struttura dandone notizia all’operatore responsabile della struttura.

 

L’orario massimo di rientro è fissato per le ore 21.00.

Non è previsto un orario si sveglia uguale per tutti ma comunque entro le ore 10.30 la stanza dovrà essere ordinata e pulita. Agli ospiti in regime residenziale, altresì, è obbligo partecipare alle attività giornaliere di pulizia e cura dei locali. A ciascuno verrà richiesto in funzione delle proprie capacità ed abilità.

Per coloro accolti in regime residenziale la colazione ed il pranzo dovranno essere confezionati a cura degli stessi anche in base agli alimenti resi disponibili dal centro.

 

Sarà possibile preparare e fare colazione dalle 7.00 alle 9.00.

Dalle 11.00 sarà possibile avviare la preparazione del pranzo e la consumazione dello stesso nonché la pulizia dell’ambiente cucina dovrà avvenire entro le 14.30.

Il pasto serale, sarà preparato a cura del personale volontario dell’associazione.

Esso sarà potrà essere consumato tra le 19.00 e le 20.30 e sarà offerto a tutti coloro accolti in regime residenziale ed a quanti, non residenziali, ne faranno richiesta presso il centro, anche telefonicamente, entro le ore 17.00.

Entro le 23.00 (durante il periodo invernale) ed entro le 24.00 (durante il periodo estivo) si dovrà rispettare rigorosamente il silenzio.

 

 

Tempi di fruizione dei servizi

La permanenza degli ospiti accolti in regime residenziale non potrà superare i venti giorni continuativi nell’arco di un semestre.

La fruizione del pasto serale, invece, sarà possibile senza alcuna limitazione.

 

 

Norme

Gli ospiti dovranno attenersi alle seguenti norme di comportamento, al fine di realizzare una pacifica, rispettosa e non invasiva convivenza fra di loro e con gli operatori.

Essi dovranno:

 

È fatto divieto introdurre all’interno dei locali:

 

Chi dovesse detenere quanto sopra è tenuto a consegnare all’operatore all’ingresso e gli oggetti verranno custoditi a cura del responsabile e riconsegnati alle dimissioni dalla struttura.

Per oggetti lasciati o dimenticati verranno conservati sino ad un massimo di 7 gg.

Trascorso tale termine i beni potranno essere alienati senza il consenso del proprietario.

 

 

È fatto altresì divieto:

 

 

Gli ospiti potranno liberamente usufruire del soggiorno, del salone e del cortile interno durante le ore diurne. La zona notte è esclusivamente adibita al riposo. Nessun visitatore è ammesso nella zona notte.

Tutte le apparecchiature in dotazione al Centro (impianto audio e video, ecc.) dovranno essere usati dai soggetti preposti.

 

Per il mancato rispetto di qualsiasi punto del presente regolamento il responsabile potrà adottare a sua discrezione provvedimenti disciplinari che vanno da un semplice richiamo verbale sino all’allontanamento dalla casa.

 

 

 

 

TITOLO III

OPERATORI

 

Équipe multidisciplinare

 

L’équipe multidisciplinare sarà costituita da: psicologo; assistente sociale; medico, dagli operatori nonché dal Responsabile del Centro con funzione di coordinatore.

 

È competenza dell’èquipe:

- la selezione, la formazione e la consulenza di nuovi operatori;

- l’ascolto, l’analisi e la programmazione del piano d’intervento da effettuarsi in sinergia con l’ospite;

- la verifica ed il monitoraggio dell’intervento.

 

L’équipe lavorerà in completa integrazione con i servizi sociali e i referenti istituzionali nell’ottica del lavoro di rete.

 

Gli operatori sono coloro che, indipendentemente dalle funzioni svolte all’interno del Centro, presteranno la loro opera gratuitamente con il solo diritto ad un rimborso delle spese effettuate.

 

È dovere degli operatori:

- accogliere gli ospiti;

-segnalare ogni anomalia al responsabile;

-richiedere l’intervento della guardia medica o del servizio di pronto intervento nel caso di necessità;

-adoperarsi per favorire l’integrazione fra gli ospiti;

-contribuire al mantenimento dei locali;

-vigilare al corretto uso dei locali;

-registrare gli ospiti.

 

Tutti gli operatori sono tenuti alla propria formazione e riqualificazione mediante la partecipazione sia ad eventi interni programmati e/o tenuti dall’équipe multidisciplinare, sia ad eventi esterni quali convegni, seminari, ecc.

 

 

 

TITOLO IV

CAUSE DI CESSAZIONE DEL SERVIZIO

 

Il servizio può essere sospeso in qualsiasi momento anche per temporanei impedimenti a carico dell’associazione. Sarà cura del responsabile dare tempestiva comunicazione agli ospiti accolti in regime residenziale.

Il servizio può essere negato a quanti non rispettino o non abbiano rispettato le norme contenute nel presente regolamento.

Il mancato rispetto di qualsiasi punto del presente regolamento, infatti, potrà far portare, a discrezione del responsabile, l’adozione di misure che vanno da un semplice richiamo verbale sino all’allontanamento dalla casa.

In particolare non saranno tollerati:

litigi, schiamazzi notturni, danni a cose o persone, reiterate inosservanza delle minime norme della civile convivenza, reiterate inosservanza delle norme del presente regolamento.

Nel caso in cui il soggetto cui è stato intimato l’allontanamento dal centro si rifiuti di abbandonare bonariamente la struttura, è facoltà del responsabile richiedere l’allontanamento facendosi assistere dalla Forza Pubblica.

 

                   

 

Salice 31/01/2007

 

 

                 

         La responsabile                                                                                   Il presidente

    Graziella Rotatore                                                                               Fortunato Scopelliti